Attività con gli asini

  • Fattorie Didattiche di Spoleto
  • Fattorie Didattiche di Spoleto
  • Fattorie Didattiche di Spoleto

Attività con gli asini

Perché l’asino? Perché l’asino non va domato ma educato!

L’asino, d’indole dolce, curioso, intelligente, empatico,  amante delle coccole e con un tasso di aggressività nullo, è particolarmente adatto ad intraprendere attività didattiche. Si tratta, infatti, di un animale dai sensi altamente sviluppati e dotato di una intelligenza particolare che esige l’instaurarsi di una relazione di rispetto e di fiducia con colui che gli sta di fronte e rifiuta qualsiasi atto coercitivo.

L’asino è lo strumento didattico vivente che facilità la comunicazione con gli utenti. E’ proprio l’asino, per secoli denigrato, con i suoi modi semplici, accoglienti ed empatici, il suo pelo morbido e caldo, a far scoprire all'utente modalità di comunicazione e di relazione istintive e naturali al di fuori delle consuetudini quotidiane.

Attraverso le attività didattiche con gli asini viene favorita una relazione naturale, sinergica ed empatica con l'ambiente e con gli animali. I percorsi sono variegati e possono essere programmati su misura per esigenze o progettualità diverse.

Il campo d’intervento é vasto e include:

1) programmi di tipo ludico-didattico che possono includere esperienze di trekking alla scoperta del mondo naturale

2) programmi educativi contro il bullismo, il pregiudizio e l'emarginazione

3) programmi mirati all'incontro utente-asino attraverso il quale si favorisce il contatto corporeo, si educa il linguaggio non verbale, si sviluppa controllo e fiducia di se

4) programmi legati alla storia dell'asino integrato nell'economia rurale

Organizzazione dei progetti

Tutti i progetti prevedono incontri preliminari - teorico / pratici - per  programmare gli incontri didattici in base alle specifiche esigenze degli utenti o anche per formare insegnanti / educatori / genitori / accompagnatori / associazioni o enti

1) per garantire la sicurezza degli utenti, soprattutto se diversamente abili o con particolarità emotive e comportamentali,

2) per garantire una esperienza significativa e costruttiva attraverso un progetto ben elaborato, condiviso da tutti coloro che accompagnano gli utenti nel percorso formativo.

L' attività inizia con un approccio lento all’asino con le coccole e la cura,  per proseguire con esercizi di conduzione, giochi e attività equestri semplici e terminare con cavalcatura, giochi e attività equestri di gruppo.

A chi sono rivolte le nostre attività

Il comportamento affettuoso che cerca il contatto fisico, la natura empatica e la spiccata intelligenza,  fanno dell’asino un animale adatto ad intraprendere percorsi didattici e di attività assistita. Ne traggono beneficio tutti quei soggetti che presentano disturbi emotivi, affettivi, sociali, cognitivi, della personalità, delle relazioni, dello sviluppo.
Dalla relazione con gli asini possono trarre vantaggio bambini ed anziani, audiolesi e non vedenti, ipertesi e cardiopatici, malati psichiatrici, cosi come persone afflitte da ansia, aggressività, stress, depressione, disturbi dell’attenzione, ipercinetismo, emotività incontrollata, problemi di accettazione, dipendenze, disturbi del comportamento alimentare, ritardo mentale, sindrome di down ma anche bullismo e dissociazione sociale..
Gli obbiettivi sono: promuovere l’ autostima, attivare la percezione di sè in relazione all'altro e all'ambiente, sviluppare sicurezza, fiducia e coraggio, esplorare la comunicazione non verbale, riconoscere ed esprimere sentimenti ed emozioni, costruire esperienze condivise nella cooperazione.